Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 49.538 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 357 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 184.277 fotografie; 1.416 audiovisivi; 12.012 complessi archivistici; 6.523 discorsi e interventi; 5.249 atti firmati; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950; 11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 109 volumi in Biblioteca digitale per un totale di 22.673 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 762 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 786.871 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 23 luglio 2019)

 

 

Roffi, Edoardo

Bologna, 22 agosto 1888 — Roma, 19in1949,0e è stato un funzionario italiano.

Laurea in Giurisprudenza Laurea in Scienze economiche e commerciali

Incarichi presso l' amministrazione della Presidenza della Repubblica

  • Segretario privato dal 15 maggio 1948 al 24 aprile 1949

Funzionario presso la Segreteria del Credito Italiano a Milano (1912-1913);

Assunto presso la sede di Londra della Comit ove rientrò nel 1917 dopo essersi dimesso nel 1916. Promosso procuratore nel 1917 fu trasferito nel 1919 alla filiale della Banca Commerciale Italiana di New York;

Promosso Vice Direttore nel 1921, rientrò a Milano alla Direzione Centrale dal 1924 al 1925;

Si dimise dalla Comit il 28 marzo 1927 per lavorare come Agente di cambio a New York, prima alla W.H. Harriman & Co., poi alle E.B. Smith & Co. e alla Redmond.

Nel 1932 venne assunto come broker alla filiale di Parigi della Hirsch Lilienthal & Co. Stock Brokers

Vice Direttore della Banca Commerciale Italiana a Genova (1925-1926);

Funzionario della Comptoir Prive a Parigi (1934);

Dirigente del Comitato di Liberazione Nazionale (8 settembre 1943-1945);

Capo di Gabinetto di Luigi Einaudi presso l'Ufficio Italiano Cambi (agosto 1945 - 1946);

Segretario particolare del Ministro del bilancio Luigi Einaudi (1° giugno 1947 - 11 maggio 1948) nel IV Governo presieduto da Alcide De Gasperi

Comit

fonti

  • Presidenza della Repubblica - Servizio archivio storico, documentazione e biblioteca - Divisione archivio e documentazione - fascicolo personale n.466/9.
  • Banca Intesa San Paolo di Milano - Archivio storico.
  • Segretariato generale della Presidenza della Repubblica, Il Segretariato generale della Presidenza della Repubblica, vol. II, Biografie 1948-2008, a cura di Roberto Gallinari, Roma, Bulzoni, 2009