Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 217.442 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 2.196 audiovisivi; 12.519 complessi archivistici; 6.083 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950; 11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 59.402 comunicati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; 272 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 48.103 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.379.618 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 30 luglio 2021)

 

La Collezione Gianni Bisiach
1957 - 2013


MOVIOLA DELLA STORIA
Galeazzo Ciano, una tragedia fascista

Gianni Bisiach presenta in studio gli ospiti: Nicola Caracciolo, Irene Galitzine, Carlo Lizzani, Indro Montanelli e Fabrizio Ciano, figlio di Galeazzo, collegato dal Costarica. Commentano il film di Nicola Caracciolo, Galeazzo Ciano, una tragedia fascista. Con una intervista alla figlia del Duce, Edda Ciano, con immagini inedite della vita privata. Galeazzo Ciano, dopo il suo matrimonio con Edda, fece una rapida carriera che lo portò a soli 31 anni, sottosegretario alla Stampa e Propaganda. Favorevole sulle prime a un'intesa con Hitler, successivamente tentò invano di evitare l'entrata in guerra dell'Italia e perché l'Italia non si compromettesse nel più terribile dei crimini nazisti: l'olocausto. Il 25 luglio 1943 Galeazzo Ciano votò contro Mussolini al Gran Consiglio del Fascismo. Per questo sotto la Repubblica Sociale, fu processato e condannato a morte a Verona. Venne fucilato l'11 gennaio del 1944.

leggi tutto
documentario
DATA16 dicembre 1997
DURATA02:16:12
REGIA Bisiach Gianni
PRODUZIONE Rai International
EDIZIONE Rai Radiotelevisione Italiana
PAROLE CHIAVE Fascismo Matrimoni Seconda guerra mondiale 1939-1945 Gran Consiglio del Fascismo Repubblica Sociale Italiana