Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 49.538 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 357 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 184.277 fotografie; 1.416 audiovisivi; 12.012 complessi archivistici; 6.523 discorsi e interventi; 5.249 atti firmati; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950; 11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 109 volumi in Biblioteca digitale per un totale di 22.673 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 762 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 786.871 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 23 luglio 2019)

 

 

4 ottobre 2019 ore 16.00

La Presidenza Segni e il ruolo internazionale dell'Italia nella fase iniziale del Centro-sinistra

Incontro di studio


Archivio Storico della Presidenza della Repubblica, Via del Quirinale n. 30, Roma


Organizzato dall'Archivio storico della Presidenza della Repubblica con il Dipartimento di scienze politiche, giuridiche e studi internazionali della Università degli studi di Padova, con l'Università degli studi di Sassari e con la Fondazione Segni, l'Incontro si colloca nel quadro ideale e culturale che ispira, sin dalla sua istituzione, la missione dell'Archivio storico intesa a promuovere la conoscenza della storia dei Presidenti della Repubblica, ad esercitare la tutela della identità e del ruolo degli archivi del Quirinale, a favorirne la loro valorizzazione e fruizione attraverso il Portale storico della Presidenza della Repubblica, mediante pubblicazioni, edizioni di fonti, didattica, seminari e convegni.


Articolata in relazioni dedicate a "L'Italia della Presidenza Segni" (Piero Craveri, Università S. Orsola Benincasa); "Il ruolo internazionale dell'Italia durante la Presidenza Segni e il ruolo del Capo dello Stato" (Antonio Varsori, Università di Padova); "Missioni all'estero del Presidente della Repubblica" (Maurizio Ridolfi, Università della Tuscia); "Antonio Segni, i giuristi e i poteri del Presidente in politica interna ed estera" (Salvatore Mura, Università di Sassari), la manifestazione si chiuderà con un tavola rotonda dal titolo "La Presidenza Segni tra politica interna e politica estera: una riflessione storiografica", presieduta da Mario Segni (Fondazione A. Segni), alla quale parteciperanno : Piero Craveri (Università Suor Orsola Benincasa Napoli), Guido Formigoni (IULM - Milano), Francesco Lefebvre D'Ovidio (Università di Roma La Sapienza - Presidente del Comitato per la pubblicazione dei documenti diplomatici italiani MAECI), Giovanni Orsina (LUISS Roma), Antonio Varsori (Università di Padova - membro del Comitato per la pubblicazione dei documenti diplomatici italiani MAECI).


Centrista, esponente di spicco dell'ala moderata della Democrazia cristiana, coerentemente "bipolare", sia in politica estera sia in politica interna, convinto europeista - e il Premio Carlo Magno, conferitogli nel maggio 1964, ne costituì il solenne riconoscimento -, atlantista, Segni, come rileva la storiografia più recente, divenne un leader politico importante, che ha rivestito rilevanti incarichi politico-istituzionali fino a diventare Presidente della Repubblica, anzitutto per la stima e il rispetto di cui ha goduto come uomo, come studioso, come politico, animato da tratti ideali caratterizzati da costante continuità e coerenza e da un'indelebile integrità.


Fotografie


1. Il Presidente Antonio Segni


2 e 3. Il Resto del Carlino, 16 gennaio 1964, Sull'intervento del Presidente Antonio Segni al Congresso americano


4. Momento Sera, 18 febbraio 1964, Sulla visita di Stato del Presidente Antonio Segni in Francia


Per partecipare all'evento è necessario accreditarsi inviando i propri dati (nome, cognome, data e luogo di nascita) entro il 1° ottobre, all'indirizzo: archivio_storico@quirinale.it