Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 249.760 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 2.910 audiovisivi; 12.519 complessi archivistici; 6.865 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950; 11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 59.402 comunicati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; 272 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 48.103 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.665.718 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 31 dicembre 2021)

 

giovedì
09 febbraio 2006

Intervento del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi all'incontro con gli atleti italiani che partecipano alle Olimpiadi di Torino 2006

Care ragazze,
Cari ragazzi,
Cara Manuela,
sono felice di essere qui oggi, circondato da voi tutti, dal vostro affetto, dal vostro entusiasmo.
Sono trascorsi cinquanta anni da quando l'Italia ospitò nel 1956 a Cortina D'Ampezzo la sua prima Olimpiade invernale. Voi campioni della squadra azzurra siete troppo giovani per ricordare quelle entusiasmanti giornate. Fu a Cortina che per la prima volta nella storia dello sport una donna, Giuliana Minuzzo, lesse il giuramento olimpico. Giuliana fu anche la prima donna italiana a vincere una medaglia nelle Olimpiadi invernali, conquistando il bronzo nel 1952 ad Oslo.


E' stato solo l'inizio delle tante vittorie che ci hanno regalato negli anni le nostre atlete, arricchendo il medagliere dell'Italia. I Giochi Olimpici di Cortina segnarono un altro primato. Per la prima volta i giochi vennero trasmessi in televisione. Il mondo intero si entusiasmò di fronte all'eleganza dello slalom, alla bellezza del pattinaggio sul ghiaccio, alle discese da brivido dei bob. Da allora lo sport olimpico è entrato nelle nostre case, è divenuto momento di condivisione, di incontro, di amicizia. Grazie alla televisione viviamo con gli atleti le loro emozioni. Diveniamo partecipi del loro impegno, delle loro storie, delle tradizioni, della cultura degli Stati che rappresentano.
Le Olimpiadi sono un'occasione di comunione fra popoli di tutto il mondo in una cornice di lealtà e di rispetto reciproco. Lo percepiamo guardando sventolare le bandiere, quando sentiamo intonare gli inni nazionali. Le Olimpiadi, più di ogni altra manifestazione, hanno fatto emergere il valore sociale e di integrazione dello sport: una grande opportunità per rinsaldare valori come l'amicizia, la tolleranza, la solidarietà, la pace.
La pace ha sempre animato lo spirito delle Olimpiadi: i "giochi" nell'antica Grecia erano in grado di fermare le guerre. Oggi più che mai gli atleti di tutto il mondo devono testimoniare che la convivenza pacifica non solo è possibile, ma è anche fonte di ricchezza e di crescita per tutti. Voi atlete e atleti siate portatori di questo messaggio! Siate anche ambasciatori dell'amore per la montagna, del rispetto della natura e del nostro prezioso patrimonio ambientale. Custodirlo significa custodire la nostra identità nazionale, che si fonda anche sulla bellezza di un paesaggio saldamente intrecciato con l'opera dell'uomo. Domani circa due miliardi di persone assisteranno alla Cerimonia di apertura dei XX Giochi Olimpici Invernali. Le Alpi, cornice inimitabile della splendida città di Torino, faranno sfoggio della loro maestosa bellezza.


Siete una squadra meravigliosa di 184 straordinari campioni! Avete lavorato sodo per essere qui oggi. E' già questo un grandissimo risultato, una soddisfazione per ciascuno di voi: essere partecipanti attivi delle Olimpiadi Invernali di Torino. Tutte le specialità sono qui rappresentate: dalle più tradizionali, lo sci alpino, il pattinaggio, l'hockey, il bob, il salto, alle più recenti, lo snowboard, il freestyle! Tutti sappiamo quanto sia stata impegnativa la vostra preparazione, quanti sacrifici ha richiesto a voi, ai vostri allenatori, alle vostre famiglie! Nei prossimi giorni dimostrerete la vostra tenacia e la vostra bravura.


La stessa tenacia e la stessa bravura sono certo che la dimostreranno le atlete e gli atleti dei Giochi Paraolimpici che si svolgeranno a marzo. Sono ragazzi straordinari diversi nelle loro abilità e proprio per questo animati da un coraggio e da una forza che noi tutti ammiriamo.
Fatevi onore!
Fateci ancora sognare!
Fate onore all'Italia!
Viva l'Olimpiade!
Auguri a tutti voi!

leggi tutto