Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 249.760 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 2.910 audiovisivi; 12.519 complessi archivistici; 6.865 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950; 11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 59.402 comunicati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; 272 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 48.103 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.665.718 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 31 dicembre 2021)

 

mercoledì
05 novembre 2003

Brindisi del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi al pranzo di Stato offerto in onore del Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, in visita di Stato in Italia

Signor Presidente della Federazione Russa,
Gentile signora Putina,
Signore e Signori,


la Sua visita di Stato corrisponde ad un sentimento d'amicizia profondo e diffuso del popolo italiano.
Lo è soprattutto oggi quando i rapporti bilaterali fra l'Italia e la Russia attraversano una fase di grande avanzamento.
Sono stati sottoscritti importanti accordi: includono un'intensificata cooperazione nella lotta alla criminalità e nel contenimento delle armi di distruzione di massa; gioveranno alla circolazione delle persone.


Il dialogo avviato in occasione della mia visita in Russia nel 2000 ci consente di guardare con fiducia al futuro delle nostre relazioni.
Il livello dell'interscambio commerciale, le crescenti prospettive d'investimento, il dinamismo delle medie e piccole imprese, un duraturo rapporto energetico danno saldezza ai nostri rapporti economici.
L'intreccio fecondo di quelli culturali é testimoniato dalla realizzazione a Mosca ed a Roma nel 2004-2005, di una Mostra sui nostri legami culturali, che concordammo con Lei, Presidente Putin, nel 2000. Ella ha voluto esprimere la Sua attenzione a questi legami con il gradito prestito della Madonna Litta di Leonardo da Vinci.


La Russia e l'Italia condividono in Europa spazi regolati da principi comuni: quello del diritto elaborato nell'ambito del Consiglio d'Europa; quello della sicurezza fondato sul partenariato fra Federazione Russa e NATO; quello dell'interdipendenza espresso dal legame con l'Unione Europea.


Un comune spazio europeo sarà fattore di stabilità, di progresso e di pace in Europa e nel mondo.


Lo dico anche nel ricordo della profonda emozione che suscitò in me, durante la mia visita di Stato in Russia, l'omaggio al monumento ai caduti, militari e civili, dell'allora Leningrado e il raccoglimento nella foresta di Tambov dove morirono di stenti migliaia di soldati italiani.


Vi sono tutte le premesse perché l'Unione Europea finalizzi, entro quest'anno, il progetto di Trattato Costituzionale e perché i pochi problemi ancora aperti siano risolti nello spirito che cinquant'anni fa animò i Paesi Fondatori.
Auspico che alcune disposizioni del Trattato Costituzionale, fra cui la nomina di un Ministro degli Esteri dell'Unione Europea, vengano messe in atto già dal prossimo anno.
Un'Unione Europea, capace di ricomporre in una sintesi unitaria gli interessi di 25 Paesi, modifica il quadro della realtà internazionale: nella direzione dell'equilibrio, della stabilità, della pace.
Un'Unione Europea dotata di pienezza di poteri potrà collaborare in maniera ancor più efficace con la Russia.


In questi anni i settori ed i problemi di comune impegno e responsabilità si sono molto ampliati: nei Balcani dove dobbiamo salvaguardare le esigenze della collaborazione interetnica; in Medio Oriente dove occorre non disperare della pace ed esercitare una crescente pressione sui due contendenti; contro il terrorismo internazionale.


Purtroppo, esiste uno squilibrio sempre più evidente fra l'entità dei problemi e gli strumenti di governo, bilaterali o multilaterali, chiamati ad affrontarli.


Questo divario va colmato convogliando gli sforzi verso un rinnovato sostegno alle Nazioni Unite, anche attraverso una collaborazione rinsaldata fra l'Italia e la Russia, fra l'Unione Europea e la Russia.
Un sistema multilaterale, basato su principi e su regole condivisi, è la sola risposta valida alle sfide del XXI secolo.


Signor Presidente,
sono rimasto colpito dall'impatto che le riforme da Lei decise hanno avuto sul sistema economico e finanziario russo.
La loro efficacia apre nuove prospettive di progresso economico e sociale per i suoi cittadini, accelera il confronto e la collaborazione con le economie dei Paesi europei più avanzati.
La presenza stasera di una qualificata rappresentanza dell'imprenditoria italiana sottolinea che, anche in campo economico, i rapporti fra i nostri due Paesi sono ampi e diversificati.


Per essere duraturi, i successi in campo economico necessitano di essere alimentati in misura crescente dal diritto.
Il consolidamento della certezza giuridica costituirà un forte richiamo per gli investitori stranieri. E' indispensabile alla crescita democratica della Russia.



Signor Presidente,

l'Italia ha fiducia nel futuro della Russia, nel rinvigorimento della sua società civile.
Vede in queste prospettive la garanzia della saldatura dei suoi rapporti in Europa, con l'Italia e con l'Unione Europea.
E' lieta che le frontiere fra l'Unione Europea e la Russia abbiano oggi come contrassegni due distinte realtà politiche che stanno accrescendo la collaborazione e il dialogo; uno spazio di interdipendenza economica e culturale.


Con questi sentimenti e nell'accogliere con piacere il Suo cortese invito a compiere una visita di Stato nella Federazione Russa nel corso del prossimo anno, levo il calice al Suo benessere personale, a quello della Sua gentile consorte, alla prosperità del popolo russo, all'amicizia fra i nostri due Paesi, al futuro delle nostre relazioni.


leggi tutto