Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 249.760 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 2.910 audiovisivi; 12.519 complessi archivistici; 6.865 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950; 11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 59.402 comunicati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; 272 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 48.103 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.665.718 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 31 dicembre 2021)

Il Diario storico

 

lunedì
07 febbraio 2000

Visita del Presidente della Repubblica in Emilia Romagna (7-9 febbraio 2000)

14.45

I componenti il Seguito presidenziale lasciano in auto il Palazzo del Quirinale (Palazzina) per recarsi all'Aeroporto di Ciampino (Area di Rappresentanza).

15.10

Il Presidente della Repubblica, accompagnato dalla Signora Ciampi, lascia in auto la Palazzina per recarsi all'eliporto del Palazzo del Quirinale.

15.12

Il Presidente della Repubblica giunge all'eliporto del Palazzo del Quirinale, ove è in precedenza giunto il Consigliere per gli Affari Interni.

15.15

Decollo dell'elicottero presidenziale.

15.25

L'elicottero presidenziale atterra all'Aeroporto di Ciampino (Area di Rappresentanza), dove sono in precedenza convenuti gli altri componenti il Seguito presidenziale. Il Capo dello Stato prende quindi posto a bordo dell'aereo presidenziale.

15.30

Decollo del velivolo presidenziale.

16.15

L'aereo presidenziale atterra all'Aeroporto "G. Marconi" di Bologna, ove il Presidente della Repubblica è accolto, in forma strettamente privata, dal Prefetto di Bologna e dal Direttore dell'Aeroporto. Il Presidente della Repubblica prende quindi posto in auto, unitamente alla Signora Ciampi, per recarsi in città (corteo: vedi allegato).
Allegato: corte
Vettura presidenziale (*) (scorta di Corazzieri in motocicletta): PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, Signora CIAMPI;
Vettura "A" (**): Min. BERSANI;
Vettura "B" (**): Min. DE CASTRO;
Vettura con (****): Sottosegretario di Stato On. MARINI;
Vettura "C": Segretario generale della Presidenza della Repubblica, Sig.ra GIFUNI;
Pulmino del Seguito: Presidente Giunta Regionale (***), Presidente Consiglio Regionale (***), Prefetto della Provincia (***), Sindaco (***), Presidente della Provincia (***), Amm. BIRAGHI, Dott. RUFFO, Dott. LEVI (*****), Dott. ALFONSO, Dott. PELUFFO, Prof. MAZZUOLI, Dott. ROMANO.
(*) Martedì 8, dalla Prefettura all'Istituto "Aldini Valeriani" e, successivamente, all'Associazione "il Mulino", il Presidente della Repubblica sarà accompagnato dal Segretario Generale della Presidenza della Repubblica; nei suddetti percorsi non è in corteo la vettura "C".
(**) Prevista in corteo: lunedì 7, della Stazione Centrale alla Prefettura;
(***) A Bologna: lunedì 7, dalla Stazione Centrale alla Prefettura; martedì 8, al mattino, dall'Università (Aula Magna) alla Scuola Superiore di Studi Umanistici e, nel pomeriggio, dalla Prefettura all'Istituto "Aldini Valeriani"; a Forlì: al mattino, dal Palafiera all'abitazione del Sen. Ruffilli e quindi alla Prefettura e, nel pomeriggio, dalla Prefettura all'Istituto Oncologico Romagnolo (IOR), dallo IOR alla Facoltà di Ingegneria Aerospaziale e Meccanica e quindi all'Aeroporto.
(****) Nei soli percorsi dal Palafiera a Corso Armando Diaz e da qui al Municipio.
(*****) Nei soli percorsi del mattino.

16.30

Il Presidente della Repubblica giunge alla Stazione Centrale di Bologna, ove è accolto dai Ministri dei Trasporti e della Navigazione e delle Politiche Agricole, dai Presidenti della Giunta e del Consiglio Regionale dell'Emilia Romagna, dal Segretario generale della Presidenza della Repubblica, con la Consorte, dal Sindaco e dal Presidente della Provincia di Bologna. Sono altresì presenti i Responsabili dei Servizi Tecnico e Commerciale del Compartimento di Bologna delle Ferrovie dello Stato. Accompagnato dalle anzidette Personalità e dai componenti il Seguito presidenziale, il Capo dello Stato raggiunge quindi la Sala d'attesa dove ebbe luogo l'attentato del 2 agosto 1980 e depone una corona di fiori, portata da due Corazzieri, dinanzi alla lapide che ne ricorda le vittime, sostando in raccoglimento. Sono presenti rappresentati dell'Associazione dei Familiari delle Vittime della strage alla Stazione di Bologna, dell'Associazione Parenti delle Vittime della strage di Ustica e dell'Associazione Vittime della "Uno bianca". È altresì presente una rappresentanza di ferrovieri e di appartenenti alle Forze dell'Ordine. Dopo essersi intrattenuto con i familiari delle vittime, il Presidente della Repubblica, accompagnato dalla Signora Ciampi, lascia in auto la Stazione Centrale per recarsi in Prefettura. I Ministri dei Trasporti e della Navigazione e delle Politiche Agricole, i Presidenti della Giunta e del Consiglio Regionale dell'Emilia Romagna, il Segretario generale della Presidenza della Repubblica, con la Consorte, il Prefetto, il Sindaco ed il Presidente della Provincia di Bologna ed i componenti il Seguito presidenziale lasciano a loro volta la Stazione Centrale per recarsi in Prefettura (corteo: vedi allegato).

16.55

Il Capo dello Stato giunge al Palazzo del Governo.

17.15

Il Presidente della Repubblica incontra, in un salotto di rappresentanza, l'Arcivescovo di Bologna, S.Em. Rev.ma il Cardinale Giacomo Biffi. È presente la Signora Ciampi.

17.35

Il Presidente della Repubblica fa ingresso nel Salone della Guardia e prende posto nella poltrona a lui riservata. Ha inizio l'incontro con le Autorità ed i Sindaci dei Comuni della Provincia: saluto del Sindaco di Bologna, Sig. Giorgio Guazzaloca; saluto del Presidente della Provincia di Bologna, Dott. Vittorio Prodi; intervento del Presidente della Giunta Regionale dell'Emilia Romagna, Dott. Vasco Errani. Risposta del Presidente della Repubblica.

18.40

Il Presidente della Repubblica, accompagnato dalla Signora Ciampi ed unitamente al Ministro dei Trasporti e della Navigazione, ai Presidenti della Giunta e del Consiglio Regionale dell'Emilia Romagna, al Segretario generale della Presidenza della Repubblica, con la Consorte, al Prefetto di Bologna, con la Consorte, al Presidente della Provincia di Bologna ed ai componenti il Seguito presidenziale, lascia a piedi il Palazzo del Governo per recarsi a Palazzo d'Accursio, sede del Comune di Bologna.

18.45

Il Capo dello Stato giunge al Palazzo Comunale, al cui ingresso è accolto dal Sindaco - ivi in precedenza convenuto - ed accompagnato, salendo con l'ascensore, al piano di rappresentanza. Nella Sala rossa, il Sindaco presenta al Capo dello Stato i componenti la Giunta Comunale. Il Presidente della Repubblica si reca quindi nello Studio del Sindaco, unitamente alle Personalità previste in corteo. Consegna di un dono. Firma, con dedica, dell'Albo d'Onore del Comune. Brevi parole di saluto e di ringraziamento del Capo dello Stato. Il Presidente della Repubblica, unitamente al Sindaco ed alle altre Personalità presenti, raggiunge poi la Sala Consiliare ove gli vengono presentati il Presidente del Consiglio Comunale, i Consiglieri Comunali ed i Presidenti di Quartiere. Il Sindaco legge quindi la dedica scritta dal Presidente della Repubblica sull'Albo d'Onore. Brevi parole di saluto e di ringraziamento del Capo dello Stato.

19.20

Il Presidente della Repubblica, unitamente alla Signora Ciampi, al Sindaco ed alle altre Personalità presenti, lascia a piedi Palazzo d'Accursio per recarsi alla ex Sala Borsa. Breve visita alla storica sala, ove sono in corso i lavori di trasformazione in Sala Multimediale.

19.30

Il Presidente della Repubblica si congeda dalle Personalità presenti e fa ritorno a piedi in Prefettura, unitamente alla Signora Ciampi, al Segretario generale della Presidenza della Repubblica, con la Consorte, al Prefetto di Bologna, con la Consorte, ed ai componenti il Seguito presidenziale (corteo: vedi allegato).

19.40

Il Presidente della Repubblica giunge in Prefettura.

20.30

Pranzo privato. Pernottamento.