Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 440.016 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 10.445 audiovisivi; 16.918 complessi archivistici; 6.865 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950;11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 168.952 comunicati di cui 28.360 indicizzati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; oltre 500 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 50.000 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.665.718 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 12 aprile 2024)

 

mercoledì
14 novembre 2001

Incontro del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi con i nuovi soci dell'Accademia nazionale dei Lincei

Non intendo pronunciare un discorso, desidero soltanto - prima di avere il piacere di conoscervi personalmente e di potermi rallegrare con coloro che conosco da anni - rinnovare a Voi tutto il mio apprezzamento per l'opera svolta dall'Accademia.
Di quest'opera il vostro Presidente, il Prof. Vesentini, ne ha richiamato ora le finalità originarie e, attraverso alcuni rapidi accenni, ha ricordato alcuni momenti della sua secolare esistenza.
Egli ha messo in particolare evidenza quelli che sono gli elementi fondamentali dell'Accademia e in modo specifico l'elemento della libertà intesa nel suo senso più ampio, cioè l'autonomia di ricerca, l'autonomia della gestione dell'Assemblea, la indipendenza assoluta dei ricercatori. E ha sottolineato come l'Accademia, al di là delle proprie mura, rappresenti sempre un faro di libertà e di indipendenza.
All'Accademia dei Lincei tutto il Paese guarda non solo con grande rispetto, ma con grande fiducia. Fa piacere vedere ogni anno accrescere le forze dell'Accademia grazie a questo folto gruppo di nuovi soci, sia nazionali che corrispondenti stranieri.
Sottolineo l'importanza dei soci stranieri, perché apportano una particolare caratteristica nella vita dell'Accademia. Sono esponenti stranieri, che in gran parte provengono da Paesi europei ma che rappresentano ogni parte del mondo, perché le scienze e la letteratura non conoscono sicuramente confine alcuno.
L'apporto che scaturisce da questo continuo dialogo - in quanto la vostra Accademia, che è nata come un "Cenacolo" ma vuole essere molto più di un Cenacolo - ha bisogno che esso si rafforzi e non si interrompa, poiché d'altra parte costituisce un attributo stesso della parola "libertà".
Lo scienziato è individuo, ma è al tempo stesso anche parte di una collettività, di una società e di una umanità, che avverte sempre più l'importanza che la dignità dell'uomo trovi ovunque affermazione, difesa. Soprattutto nei momenti difficili, come quelli che stiamo attualmente attraversando nel mondo, è fondamentale il vostro lavoro.
Sono certo che anche quelle innovazioni, di carattere interno e organizzativo - alle quali ha fatto cenno il Prof. Vesentini - serviranno ulteriormente a potenziare l'attività dei singoli e a rendere più fruttuosa e feconda la vostra capacità di dialogo, al vostro stesso interno e tra le varie classi.
Auguri a tutti e complimenti!
leggi tutto