Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 249.760 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 2.910 audiovisivi; 12.519 complessi archivistici; 6.865 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950; 11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 59.402 comunicati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; 272 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 48.103 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.665.718 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 31 dicembre 2021)

 

lunedì
04 ottobre 2004

Incontro del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi con il Consiglio Direttivo dell'Ente Nazionale per la Protezione e l'Assistenza dei Sordomuti e gli atleti italiani dello Sport Silenzioso

Quando vi ho incontrato qui al Quirinale nel novembre del 1999, vi ho promesso che quella non sarebbe stata solo una visita, un incontro di cortesia ma l'inizio di un dialogo fecondo fatto di altri momenti, di suggerimenti, di idee. Oggi siete qui nuovamente e con voi una delegazione degli atleti italiani dello sport silenzioso e sono sicuro che da quest'incontro potranno scaturire proposte positive.


Nell'era della globalizzazione si richiede sempre di più la rapidità e i concetti vengono rappresentati da simboli e da icone in grado di parlare per immagini sintetiche. Questo modo di comunicare i non udenti lo hanno usato per secoli e oggi attraverso le nuove tecniche di insegnamento e le tecnologie multimediali, apre possibilità di integrazione e di crescita straordinarie. Grazie ai nuovi linguaggi "parlare" - nel silenzio - è divenuto più facile e la comunità silenziosa è informata, consapevole e preparata.


In questo quadro e come per ogni altro tipo di diversa abilità lo sport costituisce uno strumento indispensabile, fondamentale per l'integrazione e il miglioramento della qualità della vita. L'agonismo e la disciplina nello sport sono, per i vostri giovani, momenti importanti. La costanza negli allenamenti educa all'impegno e al sacrificio per raggiungere una meta, rafforza il carattere e la capacità di adattamento.


Per tutto questo e' necessario confermare e sollecitare l'impegno concreto delle istituzioni. L'Ente Nazionale per la protezione e l'assistenza dei sordomuti da anni s'impegna attivamente per sostenere i vostri diritti. Fare questo vuol dire adottare iniziative che favoriscano il pieno sviluppo di tutte le potenzialità individuali, promovendo un modello adeguato anche attraverso l'apporto dell'associazionismo e del volontariato. Il valore sociale che voi rappresentate è direttamente proporzionale al nostro impegno. Dovete essere protagonisti del vostro futuro partecipando a pieno titolo alle scelte della collettività. Dobbiamo collaborare tutti per costruire un progetto nuovo di cultura della diversa abilità che ne valorizzi la ricchezza sociale, utilizzando il contenuto di potenzialità come occasione di crescita collettiva.


L'umanesimo del nuovo millennio si indirizza verso la migliore qualità della vita e la pienezza dell'esistere, parametri che coincidono con quelli del rispetto e della promozione della dignità e della libertà della persona.


Anche per tutto questo è importante che una rappresentanza italiana sia presente alle Olimpiadi Silenziose che si terranno a Melbourne in Australia dal 5 al 16 gennaio prossimo. I campioni che sono presenti qui oggi con la loro attività e la loro tenacia hanno raggiunto non solo traguardi sportivi importanti, ma hanno vinto la loro disabilità. Come ho già detto ai vostri colleghi che mi sono venuti a trovare di ritorno dalle Olimpiadi di Atene mi fate sentire fiero di essere italiano. Davanti a questa nuova sfida impegnatevi per l'Italia, per voi stessi, per tutti noi. Io sarò sempre al vostro fianco.


Viva l'Italia, Viva gli azzurri


leggi tutto