Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 255.574 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 5.842 audiovisivi; 13.288 complessi archivistici; 6.865 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950; 11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 59.402 comunicati di cui 22.680 indicizzati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; 300 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 50.000 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.665.718 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 31 ottobre 2023)

 

venerdì
12 settembre 2003

Dichiarazione del Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, a seguito dell'incontro con il Presidente della Repubblica Araba d'Egitto, Hosny Mubarak.

Rinnovo il mio benvenuto al Presidente Mubarak per questo che è uno dei tanti incontri che abbiamo avuto in questi ultimi quattro anni. Abbiamo parlato, soprattutto, del problema che più ci angoscia che è quello del rapporto Israele - Palestina e vorrei dirvi che siamo convinti che la road map è il solo strumento capace di far prevalere il dialogo e la riconciliazione tra israeliani e palestinesi. La sua applicazione è l'unica via per impedire che la spirale di violenza si accentui con esiti imprevedibili e con nuovi, strazianti lutti.


Il ruolo del Quartetto è fondamentale. Stati Uniti, Unione Europea, Federazione Russa e Nazioni Unite devono intensificare la loro opera: senza indugi. La situazione sul terreno non consente esitazioni. Mi auguro che il nuovo Primo Ministro palestinese riesca a formare presto un governo rappresentativo e capace di bloccare il terrorismo. Mi auguro che Israele si astenga da atti, quali l'allontanamento di Arafat, che porterebbero ad un aggravamento della tensione e prenda provvedimenti che consentano l'accelerazione della realizzazione della road map.


Italia ed Egitto sono due antiche nazioni e due antichissime civiltà mediterranee. Avvertono una responsabilità storica nei confronti della stabilità, del progresso economico, sociale e civile della Regione. E' oggi essenziale dar voce alla speranza dei popoli del Mediterraneo, a cominciare da israeliani e palestinesi.


Ho infine invitato il Presidente Mubarak a compiere una visita di Stato in Italia.

leggi tutto