Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 440.016 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 10.445 audiovisivi; 16.918 complessi archivistici; 6.865 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950;11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 168.952 comunicati di cui 28.360 indicizzati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; oltre 500 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 50.000 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.665.718 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 24 maggio 2024)

Il Diario storico

 

martedì
14 maggio 2002

Visita di Stato del Presidente della Repubblica nel Regno del Marocco (14 - 16 maggio 2002)

15.00

Il Segretario generale della Presidenza della Repubblica, con la Consorte, ed i Consiglieri del Presidente della Repubblica designati a prendere posto a bordo del velivolo presidenziale lasciano in auto il Palazzo del Quirinale (Palazzina) per recarsi all'Aeroporto di Ciampino (corteo: vedi allegato).
Allegato: corteo
Vettura con: Segretario generale della Presidenza della Repubblica, Sig.ra Gifuni;
Vettura con: Amm. Biraghi, Dott. Alfonso;
Vettura con: Dott. Ruffo, Sig.ra Puri Purini;
Vettura con: Dott. Peluffo, Prof. Godart, Prof. Mazzuoli.

15.25

Il Presidente della Repubblica, accompagnato dalla Signora Ciampi, lascia in auto la Palazzina e raggiunge l'eliporto del Palazzo del Quirinale, dov'è in precedenza giunto il Consigliere per gli Affari Diplomatici. Subito dopo, il Presidente della Repubblica e la Signora Ciampi salgono a bordo dell'elicottero (A 109), unitamente al Consigliere per gli Affari Diplomatici. Decollo dell'elicottero presidenziale.

15.35

Il velivolo presidenziale atterra all'Aeroporto di Ciampino (Area di Rappresentanza), dove il Capo dello Stato è accolto dal Comandante dell'Aeroporto e dal Capo della Divisione Cerimonie ed accompagnato alla base della scaletta dell'aereo presidenziale, dove sono ad attendere il Ministro dell'Economia e delle Finanze - Rappresentante del Governo, On. Prof. Giulio Tremonti, il Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri, Sen. Dott. Alfredo Mantica, l'Incaricato d'Affari dell'Ambasciata del Regno del Marocco a Roma, Min.Plen. Esaadi Haddou, e gli altri componenti la Delegazione ufficiale designati a prendere posto sull'aereo presidenziale. È altresì presente il Ministro per gli affari regionali, Sen. Prof. Enrico La Loggia. Il Capo dello Stato e la Signora Ciampi prendono quindi posto a bordo del velivolo presidenziale.

15.45

Decollo dell'aereo presidenziale.

16.40

Arrivo del Signor Presidente della Repubblica e della Signora Franca Ciampi all'Aeroporto di Rabat-Salé. L'Ambasciatore d'Italia a Rabat e il Vice Capo del Protocollo Reale marocchino salgono sul velivolo presidenziale, salutano il Signor Presidente della Repubblica e la Signora Franca Ciampi e li invitano a scendere dall'aereo. Ai piedi della scaletta è ad accogliere il Ministro degli Affari Esteri, Mohamed Benaissa. Omaggio floreale alla Signora Franca Ciampi. Il Signor Presidente della Repubblica e la Signora Franca Ciampi percorrono una guida rossa punteggiata da due ali di militari. La Delegazione al seguito scende dal retro dell'aereo, si avvia sollecitamente alle autovetture e si trasferisce in Albergo. Il Signor Presidente della Repubblica e la Signora Franca Ciampi entrano nel Salone d'Onore dell'Aerostazione. Nel contempo la Delegazione Ufficiale prende posto nelle autovetture e si trasferisce immediatamente al Palazzo Reale. A seguire, il Signor Presidente della Repubblica e la Signora Franca Ciampi si trasferiscono al Palazzo Reale. Il Signor Presidente della Repubblica prende posto nella Sua autovettura, accompagnato dal Ministro marocchino degli Affari Esteri. La Signora Franca Ciampi prende posto nella Sua autovettura, accompagnata dalla Signora Aycha Laghzaoui, membro del Comitato d'Onore (vedova dell'ex Ministro degli Affari Esteri).

16.45

La Delegazione Ufficiale italiana si trasferisce al Palazzo Reale.

16.50

Il Signor Presidente della Repubblica e la Signora Franca Ciampi si trasferiscono al Palazzo Reale.

16.55

La Delegazione Ufficiale italiana giunge al Palazzo Reale.

17.00

Il Signor Presidente della Repubblica e la Signora Franca Ciampi giungono al Palazzo Reale.
Sono a ricevere S.M. il Re Mohamed VI e S.A.R. la Principessa Lalla Hasna. Cerimonia ufficiale di benvenuto. 21 salve di cannone. S.M. il Re Mohamed VI invita il Signor Presidente della Repubblica ad accompagnarlo e a prendere posizione sul podio per ascoltare gli inni nazionali. Il Consigliere Militare del Signor Presidente della Repubblica e l'Aiutante di Campo del Sovrano si posizionano dietro al podio. Nel contempo la Signora Franca Ciampi viene accompagnata da SA.R. la Principessa Lalla Hasna a lato del podio per assistere alla cerimonia. La Delegazione Ufficiale ha nel frattempo già preso posto in un apposito spazio - dal quale assiste alla cerimonia - per le successive presentazioni. Al termine degli inni nazionali, S.M. il Re Mohamed VI invita il Signor Presidente della Repubblica, seguito dal Consigliere Militare e dall'Aiutante di Campo, a scendere dal podio, e a rendere omaggio alla bandiera con un inchino. Il Sovrano invita quindi alla rassegna.
Al termine, il Signor Presidente della Repubblica riceve il saluto del Comandante della Guardia d'Onore al quale risponde con una stretta di mano. Segue la presentazione dei Membri del Governo marocchino, del Corpo Diplomatico e della Delegazione Ufficiale italiana.
Il Signor Presidente della Repubblica, accompagnato nella vettura reale da S.M. il Re Mohamed VI giunge a Place de la Victoire. Cerimonia di benvenuto delle Autorità locali. Onori Militari. Il Sovrano invita il Signor Presidente della Repubblica, seguito dal Consigliere Militare e dall'Aiutante di Campo a rendere omaggio alla bandiera con un inchino. Il Sovrano invita quindi alla rassegna. A1 termine, il Signor Presidente della Repubblica riceve il saluto del Comandante della Guardia d'Onore al quale risponde con una stretta di mano. Vengono offerti latte e datteri dal Wali (Governatore) della Città di Rabat. Segue la presentazione dei Parlamentari locali e delle Autorità municipali. La Signora Franca Ciampi accompagnata da S.A.R. la Principessa Lalla Hasna, scende dall'autovettura e assiste alla Cerimonia. La Delegazione Ufficiale assiste alla cerimonia in un apposito spazio.

18.00

Arrivo al Palazzo degli Ospiti. Vengono offerti latte e datteri. Il Sovrano presenta i Membri del Comitato d'Onore per l'accoglienza al Capo dello Stato italiano. Il Sovrano e S.A.R. la Principessa Lalla Hasna prendono congedo.

19.55

La Delegazione Ufficiale italiana si trasferisce al Palais Er Ryad.

20.00

La Delegazione Ufficiale italiana giunge al Palais Er Ryad.

20.15

Il Signor Presidente della Repubblica e la Signora Franca Ciampi lasciano il Palazzo degli ospiti e si trasferiscono al Palais Er Ryad.

20.20

Il Signor Presidente della Repubblica e la Signora Franca Ciampi giungono al Palais Er Ryad. È ad accogliere il Capo del Protocollo Reale marocchino che invita il Signor Presidente della Repubblica a rendere omaggio, con un cenno del capo, ad una piccola bandiera issata sulla baionetta di un fucile. Il Capo del Protocollo Reale invita quindi alla rassegna. Al termine, il Signor Presidente della Repubblica riceve il saluto del Comandante della Guardia d'Onore al quale risponde con una stretta di mano. Nel contempo, la Signora Franca Ciampi viene accompagnata dal Protocollo Reale sino a ricongiungersi con il Signor Presidente della Repubblica all'ingresso del Palazzo. Sono a ricevere S.M. il Re Mohamed VI e S.A.R. la Principessa Lalla Hasna, che invitano gli Illustri Ospiti a seguirli nella Sala d'Onore. Scambio di doni tra i due Capi di Stato. Al termine il Sovrano e S.A.R. la Principessa Laila Hasna Reali accompagnano gli Illustri Ospiti nella Sala da pranzo, dove hanno già preso posizione la Delegazione Ufficiale e tutti gli invitati.

20.30

Pranzo di Stato in onore del Signor Presidente della Repubblica e della Signora Franca Ciampi offerto da S.M. il Re Mohamed VI. Brindisi. Cravatta nera. Abito lungo.

22.00

Ha termine il pranzo di Stato. Il Sovrano invita il Signor Presidente della Repubblica, seguito dal Consigliere Militare e dall'Aiutante di Campo, a recarsi nel Piazzale d'Onore per rendere omaggio alla bandiera con un cenno del capo. Il Sovrano invita quindi alla rassegna. Al termine, il Signor Presidente della Repubblica riceve il saluto del Comandante della Guardia d'Onore al quale risponde con una stretta di mano. Nel contempo, la Signora Franca Ciampi viene accompagnata da S.A.R. la Principessa Laila Hasna sino a ricongiungersi con il Signor Presidente della Repubblica.
Il Signor Presidente della Repubblica e la Signora Franca Ciampi prendono quindi congedo dal Sovrano e dalle Altezze Reali e si trasferiscono al Palazzo degli Ospiti.

22.05

Il Signor Presidente della Repubblica e la Signora Franca Ciampi giungono al Palazzo degli Ospiti.