Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 440.016 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 10.445 audiovisivi; 16.918 complessi archivistici; 6.865 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950;11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 168.952 comunicati di cui 28.360 indicizzati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; oltre 500 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 50.000 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.665.718 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 12 aprile 2024)

Il Diario storico

 

giovedì
25 novembre 1965

Visita ufficiale del Presidente della Repubblica alla Repubblica di San Marino

9.30

Schieramento dei Corpi Uniformati (Banda Militare, Compagnia Uniformata delle Milizie, Guardia del Consiglio Grande e Generale, con rispettive bandiere) in Piazza della Libertà.
Alzabandiera dei vessilli italiano e sammarinese al Palazzo Pubblico in San Marino.

9.40

Il Capo dello Stato giunge all'Aeroporto di Ciampino dove prende posto, con il Seguito, sull'aereo presidenziale (DC 6).

9.45

Decollo dell'aereo presidenziale.

10.40

L'aereo che reca a bordo il Capo dello Stato atterra all'aeroporto di Rimini Miramare, dove il Capo dello Stato viene ricevuto, in forma privata, dal Prefetto di Forlì e dal Sindaco di Rimini.

10.45

Il Capo dello Stato lascia l'Aeroporto di Rimini Miramare (corteo: Alleg. «A»)
Allegato «A»
vettura di servizio:
Generale Enrico Mino, Consigliere Militare Aggiunto di Servizio; Colonnello Bruno Tassoni, Comandante dei Corazzieri;
vettura Cerimoniale:
Ambasciatore Angelino Corrias, Capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica; Dott. Alfredo Masarich, Capo del Cerimoniale della Presidenza della Repubblica;
vettura Presidenziale:
Presidente della Repubblica Italiana S.E. Giuseppe Saragat; Prefetto di Forlì;
vettura dell'Ispettorato Generale di P.S. del Quirinale;
Vice Questore Dott. Federico Scotti di Uccio; Commissario Capo di P.S. Dott. Guido Zecca.
1^ vettura:
Sottosegretario di Stato per gli Affari Esteri, On. Giuseppe Lupis; Capo della Segreteria Particolare dell'On. Lupis, Cons. Cavaglieri;
2^ vettura:
Segretario generale della Presidenza della Repubblica, Avv. Nicola Picella; Onorevole Flavio Orlandi;
3^ vettura: (a vuoto);
4^ vettura:
Ministro Plenipotenziario, Franco Malfatti di Montetretto;
5^ vettura:
Amm. di sq. Virgilio Spigai, Consigliere Militare; Dott. Enrico D'Arienzo, Vice Segretario generale della Presidenza della Repubblica;
6^ vettura:
Inviato Straordinario e Ministro Plenipotenziario, Ettore Staderini; Ministro Plenipotenziario, Roberto Riccardi;
7^ vettura:
Dott. Saturno Nevola; Gr. Uff. Stelio Zerbini;
8^ vettura:
Generale di Divisione, Luigi Magliari Galante; 1° Segretario di Legazione, Riccardo Pignatelli della Leonessa;
9^ vettura:
Dott. Sergio Piscitello; Dott. Ferdinando Salleo; Dott. Candido Caprio.

11.00

Ha inizio il programma ufficiale della visita del Capo dello Stato alla Repubblica di S. Marino (corteo ufficiale nel corso della visita: Alleg.«B»).
Allegato «B»
Vettura staffetta:
Capitano Daniele, Comandante la Gendarmeria; Tenente Marino Mularoni, Vice Comandante della Guardia di Rocca;
vettura di servizio:
Gen. Enrico Mino, Consigliere Militare Aggiunto di servizio; Col. Bruno Tassoni, Comandante dei Corazzieri; Maggiore Giannecchi, Comandante della Guardia di Rocca;
vettura Cerimoniale:
Ambasciatore Angelino Corrias; Console Generale d'Italia, Lo Russo; Comm. Morganti, Cancelliere della Segreteria di Stato agli Affari Esteri;
vettura Presidenziale:
Presidente della Repubblica Italiana, S.E. Giuseppe Saragat; Capitani Reggenti della Repubblica di San Marino S.E. Alvaro Casali IV e S.E. Pietro Reffi II;
vettura dell'Ispettorato Generale di P.S. del Quirinale: Vice Questore, Dott. Federico Scotti di Uccio; Commissario Capo di P.S., Dott. Guido Zecca;
1^ vettura:
Sottosegretario di Stato per gli Affari Esteri, On. Giuseppe Lupis; Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Prof. Federico Bigi; Capo della Segreteria Particolare dell'On. Lupis, Cons. Cavaglieri;
2^ vettura:
Segretario generale della Presidenza della Repubblica, Avv. Nicola Picella; On. Flavio Orlandi; Vice Segretario di Stato per gli Affari Interni, Comm. Pietro Ciancecchi;
3^ vettura:
S.E. Rev.ma il Vescovo, Mons. Emilio Biancheri; Deputato al Dicastero dei LL.PP., Prof. Marino Belluzzi;
4^ vettura:
Ministro Plenipotenziario, Franco Malfatti di Montetretto; Deputato al Dicastero delle Comunicazioni, Gr. Uff. Stelio Montironi;
5^ vettura:
Amm. di Sq. Virgilio Spigai, Consigliere Militare; Dott. Enrico D'Arienzo, Vice Segretario generale della Presidenza della Repubblica;
6^ vettura:
Ministro Plenipotenziario, Ettore Staderini; Ministro Plenipotenziario, Roberto Riccardi; Dott. Alfredo Masarich, Capo del Cerimoniale della Presidenza della Repubblica;
7^ vettura:
Dott. Saturno Nevola; Gr. Uff. Stelio Zerbini;
8^ vettura:
Generale di Divisione Luigi Magliari Galante; Primo Segretario di Legazione, Riccardo Pignatelli della Leonessa; Dott. Clemente Ronconi;
9^ vettura:
Dott. Sergio Piscitello; Dott. Ferdinando Salleo; Dott. Candido Caprio.
S. E. il Presidente della Repubblica Italiana On. Giuseppe Saragat, accompagnato dal Sottosegretario di Stato per gli Affari Esteri On. Giuseppe LUPIS e dal Seguito, giunge al confine italo-sammarinese (ponte in località Dogana) ove viene accolto dalle LL. EE. i Capitani Reggenti, dal Segretario di Stato per gli Affari Esteri Federico Bigi, dal Vice Segretario di Stato per gli Affari Interni Pietro Giancecchi, dal Console Generale d'Italia Nicola Lo Russo Attoma, dai Deputati ai LL. PP. e alle Comunicazioni Marino Benedetto Belluzzi e Stello Montironi e dai Comandanti della Guardia di Rocca e della Gendarmeria.
Ha inizio una salva, d'Onore di 21 colpi di cannone.
Presentazione delle Autorità e Personalità Sammarinesi.
Onori militari.
Taglio dei nastri della Superstrada Rimini-San Marino.
Benedizione impartita da S. E. Rev.ma Mons. Emilio Biancheri.

11.15

Partenza da Dogana.

11.35

Il Corteo, percorrendo la superstrada attraverso i Castelli di Serravalle, Domagnano e Borgo Maggiore, giunge alla Porta del Loco (Città di San Marino).
S. E. il Presidente della Repubblica Italiana e le LL. EE. i Capitani Reggenti sono accolti dal Segretario di Stato per gli Affari Interni Gian Luigi Berti e dai Deputati alla Sicurezza Sociale, al Lavoro, alla Pubblica Istruzione all'Agricoltura ed al Turismo, Domenico Forcellini, Ferruccio Piva, Giuseppe Micheloni, Emilio Della Baldo, Luigi Lonfermini.
Varcata la Porta del Loco, il Corteo (a piedi), preceduto da Gendarmi in alta uniforme e scortato dalla Guardia del Consiglio Grande e Generale in tenuta da parata, percorre Via Antonio Orafo, Via Garibaldi, Via XXV Marzo e raggiunge il Palazzo Pubblico.

11.50

S. E. il Presidente della Repubblica Italiana e le LL. EE. i Capitani Reggenti fanno ingresso nel Palazzo Pubblico, dove è schierato un picchetto della Guardia di Rocca con bandiera, ricevuti dai Sindaci di Governo Leonida Suzzi Valli e Vittorio Rossini e dai Capitani dei nove Castelli della Repubblica, che indossano la fascia bianco-azzurra, distintivo della loro carica. Il Corteo sale lo scalone del Palazzo, dove prestano servizio d'onore le Guardie del Consiglio Grande e Generale.
Raggiunto il piano superiore, S. E. il Presidente della Repubblica Italiana e le LL. EE. i Capitani Reggenti, il Sottosegretario di Stato per gli Affari Esteri On. Lupis e il Segretario di Stato per gli Affari Esteri Prof. Bigi sostano brevemente nel salotto attiguo alla Sala del Consiglio dei XII. Saranno anche presenti il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, il Capo del Cerimoniale diplomatico, il Consigliere diplomatico e il Consigliere militare del Signor Presidente.
Il Cancelliere della Segreteria di Stato per gli Affari Esteri Luigi Morganti e il Maggiordomo della Ecc.ma Reggenza Enzo Giardi introducono nella Sala dei XII i Membri del Corpo Diplomatico e Consolare accreditato presso San Marino, le LL. EE. Rev.me i Vescovi delle Diocesi Mons. Antonio Bergamaschi e Mons. Emilio Biancheri, l'Arciprete della Basilica del Santo Mons. Luigi Donati ed il Corpo Consolare Sammarinese in Italia.
Segue la presentazione delle predette personalità a S. E. il Presidente della Repubblica Italiana.
Successivamente tutte le personalità di cui sopra lasciano la Sala del Consiglio dei XII e si dispongono nella Sala del Consiglio Grande e Generale.
S. E. il Presidente della Repubblica Italiana e le LL. EE. i Capitani Reggenti fanno il loro ingresso nella Sala del Consiglio Grande e Generale.
La Reggenza rivolge un indirizzo di saluto a S. E. il Presidente della Repubblica Italiana.
Subito dopo le LL. EE. i Capitani Reggenti offrono a S. E. il Presidente della Repubblica Italiana le insegne del Collare dell'Ordine Equestre di San Marino.
S. E. il Presidente della Repubblica Italiana risponde all'indirizzo della Reggenza.
Terminata la cerimonia, S. E. il Presidente della Repubblica Italiana e le LL. EE. i Capitani Reggenti si recano nell'attigua Sala degli Scrutini ove S. E. il Presidente della Repubblica Italiana firma il Libro d'Oro degli Ospiti illustri.
Successivamente S. E. il Presidente della Repubblica Italiana, le LL. EE. i Capitani Reggenti ed i rispettivi seguiti lasciano la Sala degli Scrutini. Attraverso la Sa.la del Consiglio Grande e Generale, dove la Reggenza presenta a S. E. il Presidente della Repubblica Italiana i Membri del Consiglio Grande e Generale, il corteo discende lo scalone.

12.30

Il Corteo lascia il Palazzo Pubblico e, attraverso Piazza della Libertà, Via XXV Marzo, Via Garibaldi e Via Carducci, raggiunge l'Ara dei Volontari.
S. E. il Presidente della Repubblica Italiana depone una corona d'alloro, mentre la Banda Militare, schierata sul lato sinistro del monumento, esegue gli inni nazionali italiano e sammarinese.

12.40

S. E. il Presidente della Repubblica Italiana, le LL. EE. i Capitani Reggenti e le altre Autorità e Personalità prendono posto nelle rispettive vetture e raggiungono il Palazzo dei Congressi.

12.50

Arrivo del Corteo al Palazzo dei Congressi.
Colloquio di S. E. il Presidente della Repubblica Italiana con le LL. EE. i Capitani Reggenti.
Colloquio del Sottosegretario di Stato per gli Affari Esteri On. Lupis con il Segretario di Stato per gli Affari Esteri Prof. Bigi. Segue lo scambio dei doni.

13.15

Le LL. EE. i Capitani Reggenti offrono in una sala del Palazzo dei Congressi una colazione in onore di S. E. il Presidente della Repubblica Italiana.

14.45

S. E. il Presidente della Repubblica Italiana, le LL. EE. i Capitani Reggenti e i rispettivi seguiti lasciano il Palazzo dei Congressi.

15.00

Arrivo del Corteo a Dogana.
S. E. il Presidente della Repubblica Italiana prende congedo dalle LL.EE. i Capitani Reggenti.
Onori militari.
Il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, il Vice Segretario di Stato per gli Affari Interni ed il Console Generale d'Italia accompagnano S.E. il Presidente della Repubblica Italiana all'Aeroporto di Miramare.

15.10

Dopo il congedo dalle LL.EE. i Capitani Reggenti, il Capo del lo Stato si dirige all'Aeroporto di Rimini Miramare (corteo: Alleg. «C»)
Allegato «C»
vettura di servizio:
Generale Enrico Mino, Consigliere Militare Aggiunto di Servizio; Colonnello Bruno Tassoni, Comandante dei Corazzieri;
vettura Cerimoniale:
Ambasciatore Angelino Corrias; Console d'Italia Lo Russo;
vettura Presidenziale:
Presidente della Repubblica Italiana S.E. Giuseppe Saragat; Prof. Federico Bigi, Segretario di Stato per gli Affari Esteri; Prefetto di Forlì;
vettura dell'Ispettorato Generale di P.S. del Quirinale: Vice Questore Dott. Federico Scotti di Uccio; Commissario Capo di P.S. Dott. Guido Zecca;
1^ vettura:
Sottosegretario di Stato per gli Affari Esteri, On. Giuseppe Lupis; Capo della Segreteria Particolare dell'On. Lupis, Cons. Cavaglieri; Comm. Pietro Giancecchi, Vice Segretario di Stato per gli Affari Esteri;
2^ vettura:
Segretario generale della Presidenza della Repubblica, Avv. Nicola Picella; Onorevole Flavio Orlandi;
3^ vettura: (a vuoto);
4^ vettura:
Ministro Plenipotenziario, Franco Malfatti di Montetretto;
5^ vettura:
Amm. di sq. Virgilio Spigai, Consigliere Militare; Dott. Enrico D'Arienzo, Vice Segretario generale della Presidenza della Repubblica;
6^ vettura:
Inviato Straordinario e Ministro Plenipotenziario, Ettore Staderini; Ministro Plenipotenziario, Roberto Riccardi; Dott. Alfredo Masarich, Capo del Cerimoniale della Presidenza della Repubblica;
7^ vettura:
Dott. Saturno Nevola; Gr. Uff. Stelio Zerbini;
8^ vettura:
Generale di Divisione, Luigi Magliari Galante; 1° Segretario di Legazione, Riccardo Pignatelli della Leonessa;
9^ vettura:
Dott. Sergio Piscitello; Dott. Ferdinando Salleo; Dott. Candido Caprio.
Schieramento della Compagnia Uniformata delle Milizie con bandiera, preceduta dalla Banda Militare sul lato destro della corsia di partenza a m. 40 dal ponte secondo le disposizioni particolari che preciserà il Comando Superiore.
Tre squilli di tromba al momento dell'arrivo di S. E. il Presidente della Repubblica Italiana e delle LL. EE. i Capitani Reggenti.
Seguono gli Inni Italiano e Sammarinese (prime dodici battute).
Segue una marcia militare durante gli Onori militari a S. E. il Presidente della Repubblica Italiana.
Congedo di S. E. il Presidente della Repubblica Italiana dalle LL.EE. i Capitani Reggenti.
Nel Corteo cl1e accompagna in territorio italiano S. E. il Presidente della Repubblica Italiana all'Aeroporto di Miramare sono anche il Segretario cli Stato per gli Affari Esteri, il Vicesegretario di Stato per gli Affari Interni, il Console Generale d'Italia in San Marino, i quali prendono posto rispettivamente nella vettura presidenziale, nella vettura del Sottosegretario di Stato per gli Affari Esteri, nella vettura del Capo del Cerimoniale della Repubblica Italiana.
Dopo la partenza di S. E. il Presidente della Repubblica Italiana, alle LL. EE. i Capitani Reggenti che rientrano dal ponte sono resi gli Onori militari.
Mentre la Banda esegue una marcia militare le LL. E.E. i Capitani Reggenti passano in rassegna lo schieramento.

15.30

Il corteo presidenziale giunge all'Aeroporto di Rimini Miramare ed il Capo dello Stato, dopo aver ricevuto l'omaggio del Prefetto di Forlì e del Sindaco di Rimini, prende posto, con il Seguito, sull'aereo presidenziale.

15.40

Decollo dell'aereo presidenziale.

16.30

L'aereo presidenziale atterra all'Aeroporto di Ciampino.