Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 440.016 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 10.445 audiovisivi; 16.918 complessi archivistici; 6.865 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950;11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 168.952 comunicati di cui 28.360 indicizzati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; oltre 500 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 50.000 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.665.718 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 24 maggio 2024)

Il Diario storico

 

giovedì
21 gennaio 1965

Presentazione del Corpo Diplomatico al Capo dello Stato ed auguri di Capodanno

11,10

Giungono al Palazzo del Quirinale (scalone d'onore) le Rappresentanze diplomatiche. La Guardia del Palazzo, schierata nel cortile, all'arrivo della prima Missione rende gli onori militari (tre squilli di attenti) rimanendo, quindi, nella posizione di attenti durante l'arrivo di tutte le Missioni. Ai piedi dello scalone d'onore le Rappresentanze diplomatiche sono ricevute da Cerimonieri ed avviati al Salone delle Feste, attraverso il Salone dei Corazzieri dove un reparto di Corazzieri in grande uniforme rende gli onori. Sulla porta del Salone delle Feste le Rappresentanze diplomatiche vengono ricevute dal Capo del Cerimoniale del Ministero degli Affari Esteri e si incolonnano, successivamente, secondo l'ordine di precedenza dei Capi Missione, i quali si trovano alla testa dei componenti di ciascuna Missione. Il Decano del Corpo Diplomatico occupa il primo posto presso la porta destra (lato Ballatoio del Mignano) di accesso alla Sala degli Specchi.

11,20

Giunge al Palazzo del Quirinale (Vetrata) l'Onorevole Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro degli Affari Esteri ad interim. Accolto da un Cerimoniere della Presidenza della Repubblica e dal Consigliere Militare Aggiunto di servizio, il Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro degli Affari Esteri ad interim viene accompagnato, con l'ascensore, al primo piano e, quindi, nella Sala degli Specchi. Alla stessa ora giungono, altresì, al Palazzo del Quirinale (Vetrata) gli Onorevoli Sottosegretari di Stato per gli Affari Esteri nonché il Segretario generale del Ministero degli Affari Esteri ed il Consigliere Diplomatico del Presilente del Consiglio, che vengono accompagnati da Cerimonieri della Presidenza della Repubblica fino alla Sala degli Specchi, dove attendono l'arrivo del Capo dello Stato.

11,30

Preceduto dal Capo del Cerimoniale della Presidenza della Repubblica, dal Consigliere Militare Aggiunto di servizio e dal Comandante dei Corazzieri, ed accompagnato dal Segretario generale della Presidenza della Repubblica, dal Consigliere Diplomatico ed il Consigliere Militare, il Presidente della Repubblica, proveniente dalla Sala degli Arazzi, giunge nella Sala degli Specchi, dove riceve l'omaggio dell'Onorevole Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro degli Affari Esteri ad interim, degli Onorevoli Sottosegretari di Stato per gli Affari Esteri nonché del Segretario generale del Ministero degli Affari Esteri, del Capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica e del Consigliere Diplomatico del Presidente del Consiglio dei ministri. Quindi l'Onorevole Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro degli Affari Esteri ad interim si pone alla destra del Presidente della Repubblica, mentre gli Onorevoli Sottosegretari si pongono alla sua sinistra. Dietro il Presidente della Repubblica si pongono il Segretario generale della Presidenza della Repubblica, il Consigliere Diplomatico ed il Consigliere Militare. Dietro all'Onorevole Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro degli Affari Esteri ad interim, il Segretario generale del Ministero degli Affari Esteri ed il Consigliere Diplomatico del Presidente del Consiglio dei ministri. Di fianco (lato Ballatoio del Mignano) si dispongono il Capo del Cerimoniale della Presidenza della Repubblica, il Consigliere Militare Aggiunto di servizio ed il Comandante dei Corazzieri. Le Missioni vengono introdotte nella Sala degli Specchi, una alla volta, dal Vice Capo del Cerimoniale del Ministero degli Affari Esteri. I Capi Missione vengono quindi presentati al Presidente della Repubblica dal Capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica. II Capo Missione presenta, a sua volta, al Presidente della Repubblica i componenti la sua Rappresentanza. Quindi, il Capo Missione, con i componenti la sua Rappresentanza, esce dall'altra porta accompagnato da un cerimoniere, e si colloca al suo posto nel Salone delle Feste, avendo a tergo i componenti della Missione.

12,10

Quando i convenuti hanno occupato i loro posti nel Salone delle Feste, il Capo del Cerimoniale della Presidenza della Repubblica preavvisa il Capo dello Stato. Il Presidente della Repubblica giunge nel Salone delle Feste, preceduto dal Capo del Cerimoniale della Presidenza della Repubblica, dal Consigliere Militare Aggiunto di servizio e dal Comandante dei Corazzieri e accompagnato dall'Onorevole Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro degli Affari Esteri ad interim, dagli Onorevoli Sottosegretari di Stato per gli Affari Esteri nonché dalle altre Personalità. Il Capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica annuncia l'ingresso del Signor Presidente nel Salone delle Peste (lato cortile d'onore). Giunto davanti al seggio, il Presidente della Repubblica accoglie in piedi il saluto del Corpo Diplomatico, cui risponde con un cenno del capo. Anche i Capi Missione rimangono in piedi davanti al le poltroncine loro riservate, disposte lungo i tre lati del Salone. Gli Onorevoli Sottosegretari di Stato per gli Affari Esteri, il Segretario generale del Ministero degli Affari Esteri, il Capo del Cerimoniale del Ministero degli Affari Esteri, ed il Consigliere Diplomatico del Presidente del Consiglio dei ministri si dispongono dietro l'onorevole Presidente del Consiglio dei ministri e Ministro degli Affari Esteri ad interim che si colloca a sinistra del Capo dello Stato. Il Segretario generale della Presidenza della Repubblica, il Consigliere Diplomatico ed il Consigliere Militare si collocano dietro il Capo dello Stato, e, alle loro spalle, si dispongono il Capo del Cerimoniale della Presidenza della Repubblica, il Consigliere Militare Aggiunto di servizio ed il Comandante dei Corazzieri. Il Capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica prende posto alla destra del Capo dello Stato. Autorizzato dal Signor Presidente, il Capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica invita il Decano a pronunciare il suo indirizzo. Il Decano avanza di un passo verso il Signor Presidente e legge la sua allocuzione. Non appena il Decano ha terminato la lettura, il Capo dello Stato legge l'allocuzione di risposta. Il Presidente della Repubblica invita quindi il Nunzio Apostolico a passare con i convenuti nelle attigue Sale, ove viene servito un rinfresco (+).
(+) Poiché, per la presentazione del Corpo Diplomatico, la Sala degli Specchi era indisponibile per allestire i buffet, questi sono stati allestiti nella Sala degli Arazzi e Sala dello Zodiaco. Il Signor Presidente ha aperto il buffet nella Sala dello Zodiaco, poi è passato nella Sala Arazzi intrattenendosi con vari Ambasciatori. Alle 13 circa ha lasciato le Sale, rientrando in Palazzina.