Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 49.538 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 357 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 184.277 fotografie; 1.416 audiovisivi; 12.012 complessi archivistici; 6.523 discorsi e interventi; 5.249 atti firmati; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950; 11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 109 volumi in Biblioteca digitale per un totale di 22.673 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 762 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 786.871 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 23 luglio 2019)

Il Diario storico

 

mercoledì
17 novembre 1954

Cerimonia della consegna al Presidente della Repubblica delle insegne di Balì di Onore e Devozione e del Collare della Croce al Merito del Sovrano Militare Ordine di Malta

La cerimonia si svolge nella sala degli arazzi.
Abito prescritto: marsina con panciotto bianco e decorazioni.
- Per l'occasione la guardia del Palazzo è fornita di musica.
- Tutto il personale è in tenuta di gala.
Alle ore 12,05 il Presidente della Repubblica e la Signora Einaudi lasciano in automobile la Palazzina, accompagnati dal Segretario generale e dal Consigliere Militare, salendo quindi con l'ascensore alla sala degli specchi.
Alle ore 12,10, con autovettura della Presidenza della Repubblica scortata da carabinieri motociclisti, giunge al Palazzo del Quirinale il Venerando Balì Luogotenente del Sovrano Militare Ordine di Malta Frà Antonio Hercolani Fava Simonetti, accompagnato da un funzionario del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica.
Altre autovetture recano il Cancelliere dell'Ordine Gabriele Apor de Artoria, il Prelato del Gran Magistero, S. E. Rev. Mons. Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleone, il Balì Duca Ernesto Paternò Castello di Carcaci, Membro del Sovrano Consiglio e il Delegato dell'Ordine presso il Governo italiano, Ministro Vittorio Bianchi.
L'autovettura del Luogotenente percorre lentamente il fronte della guardia schierata con bandiera, mentre la musica suona i tre squilli e le prime battute dell'Inno nazionale e di quello di Malta. Con una conversione a destra, la macchina giunge innanzi alla rampa interna dello scalone dove il Luogotenente scende, ricevuto dal Dott. Piccolomini, dal Comandante Del Bene e dal Cap. Riccio, che lo accompagnano lungo lo scalone d'onore alla sala dei Corazzieri, dove è schierato un plotone di carabinieri guardie in uniforme di gala, che rende gli onori.
Il Capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica e il Capo dell'Ufficio relazioni con l'estero attendono il Ball Luogotenente sulla soglia del salone per accompagnarlo alla sala degli specchi, ove si trovano il Presidente della Repubblica e la Signora Einaudi con il Segretario generale, il Consigliere Militare, il Prefetto Chiaramonte, il Prof. Casorati e il Segretario Privato Dott. D'Aroma.
Alle ore 12,15 l'Ambasciatore Scammacca introduce il Balì Luogotenente alla presenza del Capo dello Stato che gli si fa incontro di qualche passo.
Successivamente il Balì Luogotenente presenta i componenti del suo seguito al Presidente della Repubblica che, a sua volta, presenta al Balì le personalità che lo accompagnano.
Il Presidente della Repubblica invita quindi il Balì Luogotenente e il segiuto nella sala degli arazzi, dove ha luogo la cerimonia della consegna delle onorificenze conferitegli dall'Ordine di Malta.
Il Balì Luogotenente legge un indirizzo, dopo di che impone al Presidente della Repubblica le Insegne di Balì di Onore e Devozione e, successivamente, il Collare della Croce al Merito.
Il Capo dello Stato risponde a sua volta con parole di circostanza e consegna al Balì le Insegne di Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.
Il Presidente della Repubblica con la Consorte e gli invitati alla colazione passano quindi nella sala Peri dove vengono offerti gli aperitivi.
Alle ore 12,45 il capo dei servizi di tavola annunzia che la colazione è servita e il Capo dello Stato, la Signora Einaudi, il Balì Luogotenente e gli altri invitati accedono alla sala da pranzo (detta delle bestie).
Terminata la colazione vengono serviti il caffè e gli aperitivi nella sala Peri e successivamente gli ospiti vengono invitati a visitare la Cappella Guido Reni dove Monsignor Ferrero recita una breve preghiera.
Alle ore 14,15 il Balì Luogotenente ed il seguito si accomiatano dal Presidente della Repubblica e dalla Signora Einaudi e con lo stesso cerimoniale dell'arrivo lasciano il Palazzo del Quirinale.