Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 49.538 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 357 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 184.277 fotografie; 1.416 audiovisivi; 12.012 complessi archivistici; 6.523 discorsi e interventi; 5.249 atti firmati; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950; 11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 109 volumi in Biblioteca digitale per un totale di 22.673 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 762 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 786.871 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 23 luglio 2019)

 

 

Uffici del Capo provvisorio dello Stato (giugno 1946 - maggio 1948)


Descrizione del contenuto

L'Archivio del Capo Provvisorio dello Stato Enrico de Nicola, che ricoprì la carica dal 1° luglio 1946 al 31 dicembre 1947, fa parte del primo nucleo di documentazione pervenuto all'Archivio Storico nel 1993. Si era in una fase della vita istituzionale del nascente Archivio storico della Presidenza della Repubblica, inaugurato il 2 giugno 1996, nella quale si procedeva alla concentrazione nel Palazzo del Quirinale degli Archivi storici dei Savoia, del Capo Provvisorio dello Stato, degli Uffici e Servizi della Presidenza della Repubblica, allora conservati in modo policentrico, all'interno di vari locali disseminati nel Palazzo, presso varie Istituzioni della Capitale e presso i depositi del Ministero della Marina Mercantile che li ospitava.

L'Archivio degli Uffici del Capo Provvisorio dello Stato è costituito da nove buste, parte residua di un più cospicuo fondo documentario, come si evince da alcuni documenti rinvenuti nel corso della schedatura della serie "Ufficio Inventari Biblioteca ed Archivi Storici", le cui carte sono parte del "Servizio del Patrimonio", organismo del "Segretariato generale della Presidenza della Repubblica" cui competeva la funzione di conservazione e descrizione degli Archivi.

Nel 1953 la "Commissione, per lo spoglio degli archivi storici", istituita dal Segretario Generale Ferdinando Carbone con il decreto del 17 gennaio 1950 n.162 e presieduta dal professor Oreste Ricciardelli, Capo dell'Ufficio inventari, biblioteca e archivi storici, portò a termine il riordinamento dell'Archivio del Capo Provvisorio dello Stato, costituito dalla documentazione pervenuta da Palazzo Giustiniani, la sede in cui aveva deciso di operare Enrico De Nicola nella sua qualità di Capo Provvisorio dello Stato, e da quella di natura contabile conservata presso il Quirinale.

Da una relazione del 31 ottobre 1953 si evince che all'epoca il fondo era costituito da numerose serie di documentazione che coprivano e testimoniavano l'intera attività svolta da De Nicola in quel biennio nevralgico per la storia della Repubblica, che andava dalla scelta repubblicana del 2 giugno 1946 sino alla firma della Costituzione della repubblica italiana, apposta dal Capo provvisorio dello Stato il 27 dicembre 1947.

Allora l'Archivio era costituito dalle seguenti serie : carteggio ordinario (829 filze e 20 registri); carteggio speciale (39 filze); carteggio contabile (25 pezzi tra filze e registri); stampa e rapporti dei Carabinieri (12 filze).

L'archivio, sistemato nei "locali a pianterreno che fanno angolo con la Palazzina Presidenziale (ex Corpo di guardia dei Corazzieri), nel maggio del 1970 era stato attaccato da un'invasione di termiti . Nell'aprile del 1972 la maggior parte della documentazione venne mandata al macero riducendo l'archivio alla consistenza attuale.
Il lavoro archivistico, condotto sulle nove buste superstiti, è consistito nella schedatura analitica delle singole unità archivistiche.

Sulla base delle informazioni sullo stato originario dell'archivio al 1953 è stato possibile risalire alla originaria provenienza delle singole buste; le prime due buste si possono assegnare alla serie che nel 1953 era stata indicata come "Stampa - Rapporti dei Carabinieri" con una consistenza di 9 filze; le buste dalla numero 3 alla numero 6 sono parte della serie del "Carteggio speciale", mentre le ultime 3 buste, dalla numero 7 alla numero 9, sono un residuo del "Carteggio ordinario" la cui consistenza originaria era pari a 829 filze.

La conoscenza di quale fosse la consistenza originaria del fondo archivistico fa pensare che possano considerarsi come provenienti dall'archivio del Capo Provvisorio dello Stato altri documenti pervenuti successivamente. Allo stato attuale si possono far risalire all'Archivio del Capo Provvisorio dello Stato almeno tre dei sei volumi della Rassegna Stampa della Presidenza del Consiglio dei Ministri relativi al periodo dal II semestre 1946 a tutto il 1947, come riportato nella relazione, e che sono stati materialmente collocati dopo le nove buste. In considerazione delle lacune del fondo, si segnala che l'intera serie dei Comunicati stampa del Consiglio dei ministri, relativa agli anni 1945-1950, è pubblicata su questo Portale storico.

Così come quasi sicuramente proviene dal "Carteggio contabile" la documentazione relativa agli anni 1946 - 1947 attualmente inserita nella serie della Ragioneria e Tesoreria; sulla quale, però, non si è avuto il tempo necessario per un'analisi approfondita e per questo non è stata spostata. Tale documentazione contabile venne versata all' "Ufficio Inventari, Biblioteca ed Archivi Storici" il 15 luglio 1953 come risulta dalla relazione del 1953 a cui ci si è fatto riferimento.


Soggetto produttore

UFFICI DEL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO

3 fasc.

9 buste

2 regg.