Il Portale storico della Presidenza della Repubblica

Pubblicato il 2 giugno 2018, il Portale storico della Presidenza della Repubblica rende progressivamente disponibile il patrimonio conservato dall'Archivio storico.
Archivi, documenti, fotografie, dati, percorsi tematici e risorse digitali trasmettono la memoria dei Capi dello Stato dell'Italia repubblicana; testimoniano in modo straordinariamente capillare le attività, gli interventi e i discorsi dei Presidenti della Repubblica nello svolgimento delle funzioni che la Costituzione assegna loro; testimoniano le attività dell'Amministrazione e dei suoi protagonisti, che operano a supporto della figura presidenziale; rappresentano il Paese che ne costituisce lo sfondo; raccontano le vicende del Palazzo del Quirinale, ieri palazzo dei papi e dei re, oggi sede della massima carica dello Stato repubblicano.

I numeri del Portale: 70.780 eventi, tra udienze, impegni pubblici e privati dei Presidenti; 1.729 visite in Italia e 570 viaggi all'estero; 16.269 pagine di diario digitalizzate; 440.016 immagini; 25.111 immagini che documentano la storia d'Italia dalla Monarchia alla Repubblica; 10.445 audiovisivi; 16.918 complessi archivistici; 6.865 discorsi e interventi; 5.325 atti firmati; 55.759 Provvedimenti di grazia; 542 comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1945 al 1950;11.835 comunicati delle presidenze Ciampi e Napolitano; 168.952 comunicati di cui 28.360 indicizzati dalle presidenze Gronchi a Scalfaro; oltre 500 volumi in Materiali e pubblicazioni per un totale di 50.000 pagine in formato digitale; 75 soggetti produttori e 516 strutture organizzative; 131 biografie di consiglieri e consulenti; 1.665.718 triple caricate sull'Endpoint (aggiornamento del 24 maggio 2024)

 

martedì
12 agosto 2008

Messaggio del Presidente Napolitano per il 64° anniversario dell'eccidio di Sant'Anna di Stazzema

Comunicato
Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nella ricorrenza del 64° anniversario dell’eccidio di Sant’Anna di Stazzema, in occasione del quale sarà ricordato anche l’incidente che 45 anni or sono costò la vita all’allora Presidente Nazionale delle Misericordie d’Italia, Roberto Crema, ha inviato al Sindaco del Comune di Stazzema, ing. Michele Silicani, un messaggio in cui rivolge ai superstiti della strage di Stazzema, ai superstiti della strage di Marzabotto, che celebrano il gemellaggio, e a tutti i convenuti alla manifestazione il suo partecipe saluto:
“La commemorazione di vittime inermi della barbarie nazifascista deve essere di monito a non dimenticare gli orrori della guerra e dell’odio tra i popoli e vale a spronare, anzitutto i giovani, a promuovere i valori della Pace e della dignità della persona attraverso il dialogo, la tolleranza e la coesione sociale.
L’impegno con il quale la vostra comunità contribuisce a mantenere vivo il ricordo dei Martiri di Stazzema conferma che i valori che animarono le scelte dei tanti, che si sono impegnati nelle fila della resistenza per restituire all’Italia libertà ed istituzioni democratiche, costituiscono ancora oggi le fondamenta condivise della nostra Democrazia”.
Roma, 12 agosto 2008

leggi tutto